Michele Govoni

Giornalista

Italiano

Sembra essere opinione di molti che l'esperienza di vita di un artista compaia, trasposta, in molte delle sue opere. Alle volte, però, meno si pensa al fatto che anche la terra che ha dato la vita all'artista stesso entri a far parte delle opere dello stesso artista. Ne sono un chiaro esempio le belle opere di Giovanni Galiardi, sculture di vari materiali e differenti tecniche. Così come diverse sono le tematiche rappresentate, fatto nonostante il quale è sempre, però, ben riconoscibile la mano e la volontà. Lo spettatore viene da principio catturato da una serie di opere bronzee di carattere astratto ed informale. Proprio di questo carattere Galiardi utilizza i topoi, portando alla luce, in un comunanza ben equilibrata, figure geometriche che e tratti liberi d'azione, primitive forme appartenenti al genere umano (la sfera, la retta, il cerchio, la ruota) e forme libere scavate nella materia. Proprio alla materia ed al rispetto di essa l'artista si rivolge, perchè nel materiale, ai suoi tempi di "reazione", alla sua lavorazione e manipolazione, sembra essere dedicata l'opera scultorea. In essa le immagini totemiche legate ad un passato che si fa futuro post-moderno non sono solo i residui delle torri marchigiane oggi ridotte a lacerti di un passato che allunga le sue mani fino ad oggi. Le terre marchigiane con i loro minerali multicolori sono omaggiate in tutta la loro essenza e la figurazione cristologia (ispirata ad una figura umana di carattere primitivo) si sposa al topos dell'architettura moderna in modo esemplare. Sculture che offrono un'occasione di viaggio nell'opera e nell'artista di grande impatto emotivo.

English

It's a common notion that the experience of life of an artist is evident in his works. But we have to remark that the native land of an artist is evident in his works. Giovanni Galiardi's works are a clear example. He uses several materials and different techniques. The themes are different but you can recognize his style. At the beginning the audience is captured by bronze works of informal and abstract style. Galiardi uses the "topoi" of this style and he creates geometrical figures, primitive shapes belonging to the human being (the sphere, the line, the circle, the wheel) and free shapes carved in the material. The artist respects the material, in fact the work seems to be dedicated to the "reaction time", to the manipulation of the material itself. The "totem images" of a past that becomes post-modern future are not the ruins of "marchigiane" towers. The artist pays homage to the Marches lands with their multicoloured minerals and Christ representation (inspired to a primitive human figure) matches topos of the modern architecture in an exemplary way. Sculptures that give us an opportunity of voyage in the works and in the artist of a great emotional impact.